Not-Sure-Meme-or-Marketing

Forse non avete ancora sentito parlare di Memevertising, strategia di marketing già definita come “la nuova frontiera del marketing virale” (fonte: Ninjamarketing) ma conoscerete e sicuramente  avete anche condiviso sui social network qualche post divertente con un MEME, ovvero un’immagine di un personaggio famoso, una caricatura, un cartoon o un animaletto, con un messaggio semplice, d’impatto e il più delle volte dal contenuto umoristico al suo interno.

Un MEME è più specificatamente un “fenomeno di Internet (chiamato anche Internet Meme in inglese) è un’idea, stile o azione che si propaga attraverso la rete Internet, spesso per imitazione, diventando improvvisamente celebre. L’assenza di confini fisici della rete tende a favorire una rapida diffusione di idee e novità, specialmente se queste hanno contenuti umoristici o bizzarri. In molti casi, proprio se il motivo della diffusione è essenzialmente goliardico, la cosa di cui si diffonde la notizia è priva di un reale contenuto; e proprio per questo viene giocosamente ripetuta da chi è a conoscenza del fenomeno.” (fonte: Wikipedia)

all-meme

C’era chi pensava fosse solo una moda passeggera, una delle tante nate sul web, invece la febbre dei MEME non accenna a diminuire e ovviamente i marketers hanno pensato bene di sfruttare l’immensa forza mediatica di queste immagini per fare comunicazione con investimenti pari a zero, sfruttando semplicemente la forza virale del fenomeno e l’empatia immediata che suscitano nel consumatore.

Matrix marketing

 I MEME sono davvero efficaci perché trasformano un personaggio o un momento culturale chiave in un messaggio di marketing davvero intelligente.

hipchat-memevertising

Comunicare con il Memevertising per i brand, attraverso queste immagini, semplici e anche sgraziate a volte, create semplicemente con dei generatori online come Memegen o imgflip, è più semplice di quello che si pensa: in sostanza si tratta di scrivere uno slogan su una foto divertente, trasformandola in un messaggio strategico, conciso e che rimane immediatamente impresso nei consumatori.

Virgin Success Kid

Vi sveliamo i 5 motivi per cui il Memevertising è divenuto una strategia di marketing di successo.

2001 odissea nello spazio Wonderbra

  1. Sono già affermati.MEME non sono MEME a meno che non siano già stati concepiti da un’idea o sviluppati da un tema popolare nella società on-line. Utilizzando qualcosa che è già popolare e allegando il messaggio del brand, si sfrutta il successo di qualcosa che è virale quindi non è necessario preoccuparsi della diffusione del messaggio.
  2. Portano “traffico”. Uno degli aspetto più frustranti di qualsiasi campagna di marketing consiste nell’indirizzare il traffico verso un determinato sito web. Indipendentemente dalla loro forma, i MEME quando sono collegati a un link attirano i visitatori ed inoltre incoraggiano l’utente a mettere “mi piace” e a seguire il brand stesso, migliorando anche la brand image sui social networks.
  3. Viviamo in una società che ama condividere. Gli utenti dei social media sono abituati ad andare online e a condividere le informazioni che trovano e i contenuti che gli piacciono. Che si tratti di Facebook, Twitter, Pinterest, non importa. Ogni social network è progettato per aiutare gli utenti a legarsi l’un l’altro attraverso la condivisione. Se il MEME attira l’attenzione, è probabile che sia immediata, spontanea e virale la condivisione, più di qualsiasi altra forma di social media marketing.
  4. Sono ideali per i social media. Gli utenti dei social networks condividono principalmente immagini e video, vogliono informazioni facili da fruire e da condividere, inviano messaggio senza pensarci troppo, condividendo istintivamente un contenuto che gli è piaciuto e che racconta la propria vita, le proprie idee, valori e gusti. Questo è il principio fondamentale dei MEME.
  5. Non potrebbe essere più facile da creare. Per qualsiasi marketer, la creazione di contenuti richiede uno sforzo intenso di pensiero, uno studio attento del target di riferimento e l’individuazione del canale più appropriato per la diffusione della campagna. Le campagne di marketing con i MEME sono invece estremamente semplici da creare e facili da condividere, perché hanno già canale e pubblico preferenziale, per questo potrebbero diventare un punto fermo di ogni iniziativa di marketing di successo… Basta individuare il MEME giusto per ogni brand!
    memes memes
    Dato che oggi è anche venerdì, vi lasciamo con un esempio di Memevertising davvero riuscito: quello di una famosa marca di birra che celebra l’arrivo del weekend con una rivisitazione del famoso “Keep calm and…”.
    keep-calm-and-thank-god-its-friday