gothmsScegliere un tipo di carattere per il vostro progetto di stampa è un compito difficile. Ci sono alcune regole tipografiche e termini che ogni progettista deve (o dovrebbe) sapere e che richiedono tempo prima di padroneggiarle a dovere, ci si perde facilmente all’inizio. Provate a seguire questi 10 comandamenti per non perdervi d’animo!

Grazie all’infografica riassuntiva che troverete di seguito potrete risparmiare molte ore di lavoro: la creatività è d’obbligo, ma fuoriuscire dai principi guida rappresenta una perdita di tempo che al giorno d’oggi non potete permettervi di avere. Anche se la tipografia è un’arte e l’arte dovrebbe essere soggettiva, queste regole possono ancora essere applicate per risparmiare tempo in eccessiva sperimentazione di font. Sia che siate professionisti tipografi o novizi del design, vale la pena verificare sempre queste semplici regole. Magari potreste anche imparare qualcosa di nuovo, quantomeno riuscirete ad ottimizzare i tempi di sviluppo di un progetto.

font-infography-1-5

1. Conoscere le vostre famiglie di font. Mai sentito parlare di GHOTMS?
2. Combinare un carattere sans-serif con un font serif
3. Combinare un font serif con un font sans-serif
4. La combinazione di due caratteri simili non è “cool”
5. Il contrasto è la chiave
6. Optate per due font, procedete con tre solo se necessario
7. Non mescolare diversi stati d’animo
8. Combinare caratteri simili per epoche
9. Utilizzare diversi “pesi” di font della stessa famiglia
10. Evitate certi tipi di carattere

font-infography-6-10

E voi che ne pensate di questi 10 comandamenti della tipografia? Commentate qui sotto!