lettera di impiegoQuando sentiamo parlare di “crisi” cominciamo a pensare a quanto sia diventata inflazionata questa parola e da quanti anni ce la sentiamo ripetere. Inflazionata forse come i modi con cui abitualmente andiamo alla ricerca di un lavoro sempre più difficile da trovare. Qualcuno ha pensato bene di inventarsi delle originalissime presentazioni del proprio curriculum.

Evidentemente, in alcuni casi, la crisi stimola la creatività e la fantasia per porre se stessi ad un livello superiore di attenzione, attraverso gesti inconsueti o meglio comunicazioni inconsuete dirette verso potenziali nuovi clienti, imprenditori e manager. Comunicazioni di impatto visivo notevole e fuori dall’ordinario che sfruttano alcuni strumenti tipici della stampa digitale.

Adam Pacitti ha acquistato un cartellone pubblicitario e un sito web con 500 sterline, le ultime in suo possesso. In questo modo ha suscitato notevole interesse e in breve tempo ha ricevuto oltre sessanta offerte di lavoro. Nessuna garanzia ovviamente, ma qualcuno lo ha finalmente ascoltato!

cartellone pubblicitario ricerca lavoro disoccupato

Laurent Lebret si ritrovò senza lavoro nel luglio 2013, la sua specializzazione nel turistico non stava dando i frutti sperati. Pensò così di affittare un grande spazio pubblicitario in una strada trafficata di Antibes, in Francia. Con questo cartellone chiedeva soltanto di poter ricevere un lavoro come regalo di Natale. Beh, così facendo ha ricevuto una marea di richieste e dopo le festività ha ricevuto il regalo sperato!

cartellone pubblicitario ricerca lavoro disoccupato

L’agenzia di comunicazione danese Reputation ha invece pensato di mettere fisicamente i disoccupati in… vetrina! Con striscioni appesi, vetrofanie e scenetta dell’ambiente di lavoro reale (scrivania, computer e disoccupato in carne ed ossa) ha dato la possibilità a tanti disoccupati di mettersi letteralmente in mostra.

disoccupati-in-vetrina