manifesto pubblicitario grande formato hot dogCamminando per le strade delle città vediamo tantissimi cartelloni e manifesti pubblicitari cartacei. Stampe di medio e grande formato alle fermate dell’autobus, in metropolitana, in stazione, sugli edifici, negli esercizi pubblici. Stimoli visivi commerciali permeati nella nostra quotidianità e in controtendenza al mondo web. Riscopriamo quelli che ancora lottano ad armi pari con il web advertising.

Innanzitutto parliamo di grande formato, ognuno con la propria tecnica per “colpire” il target designato. E’ fondamentale per l’azienda impostare un messaggio e una grafica di impatto immediato, quella che riesca a rimanere impressa anche dopo una rapida occhiata. Affinchè un manifesto sia perfetto per trasmettere l’immagine della vostra attività nel migliore dei modi dovete seguire due piccoli accorgimenti:
– la grafica deve essere essenziale e accattivante; l’utente non dedicherà più di qualche secondo di attenzione alla vostra comunicazione
– scegliete con cura il luogo di esposizione: strade e piazze ad elevato passaggio, centri commerciali, sale d’attesa
Dovete cercare, per quanto possibile, di destinarvi risorse senza guardare troppo al portafoglio: una campagna ben impostata vi ripagherà con ottimi risultati nel tempo.

grande manifesto pubblicitario ted is coming

Per la dimensione dei cartelloni, generalmente possiamo individuare alcuni standard di misure e di utilizzo che di seguito vi riepiloghiamo:
70×100: sulle plance pubbliche (espositori stradali) coprono generalmente un quarto della superficie disponibile di ogni plancia, su queste evitate testi troppo piccoli
100×140: formato tipico delle fermate degli autobus e in grado di coprire metà degli espositori stradali, anche qui la comunicazione deve essere incisiva e sintetica
140×200: manifesto di notevole impatto, copre interamente le plance pubbliche e qui la comunicazione può spaziare anche con il testo
400×300: è il primo vero grande formato, utilizzato per le vele pubblicitarie mobili. Essendo pensate per il passaggio automobilistico, la grafica e il colore hanno la precedenza su tutto
6×3: sono quelli più noti al pubblico con il nome di “cartelloni”, 6×3 sono i metri di ingombro e questo è il formato tipico delle plance stradali fisse. Chi passa con la propria autovettura va “colpito” rapidamente con un messaggio secco ed evidente
E per concludere i più esigenti, quelli che necessitano del “su misura” sarà possibile optare per i manifesti con misure personalizzate.

Come vedete, nell’era del web advertising c’è ancora qualche “cartaceo” che riesce a farsi rispettare!