Nike, in collaborazione con The Lodge, ha svelato quello che crede essere il futuro della vendita al dettaglio con una installazione che permette ad ogni visitatore di creare le proprie scarpe Nike personalizzate in un’ora!

The Nike Makers’ Experience (solo su invito al momento) è ospitata presso lo studio Nike By You sulla 45 Grand Street. All’arrivo, ogni ospite è invitato a indossare una versione “blank” della scarpa Nike Presto X, un modello creato esclusivamente per questa esperienza. L’ospite può quindi scegliere tra varie opzioni grafiche “generate da frasi” che vengono trasformate in pattern customizzabili per grafica e colore.

La realtà aumentata, i sistemi di monitoraggio e proiezione degli oggetti portano in vita i disegni proprio sui piedi dell’ospite. Una volta scelto il disegno finale, la scarpa viene prodotta in loco e disponibile poco più di un’ora dopo.

Nike spiega ulteriormente il progetto: “Ad esempio, si potrebbe cominciare utilizzando la data di un  compleanno o un anniversario. Da questo input tipografico vengono poi creati pattern grafici che possono essere scalati a piacere. La scelta e le gradazioni di colore sono quasi infiniti. E questa è solo la punta dell’iceberg della personalizzazione “.

Il Lodge, che è il team di tecnologia creativa del gruppo W + K, ha creato l’esperienza in collaborazione con Mark Smith e il suo team della Nike’s Innovation Kitchen. Nike offre le scarpe da ginnastica personalizzate da più di un decennio attraverso il sistema NikeID, ma questo sistema è per la gran parte online, ha meno opzioni di personalizzazione e occorrono tra le tre e le cinque settimane per ricevere le scarpe personalizzate.

Nike sta lavorando a questa nuova esperienza con l’obiettivo di permettere anche all’utente finale di ottenere scarpe da ginnastica personalizzate nello stesso modo in cui le ottengono gli atleti Nike.

“L’intenzione del progetto è quello di mettere in risalto l’esperienza di progettazione collaborativa che offriamo ai nostri atleti”, afferma Smith, vp di Nike. “Amano i prodotti che raccontano la loro storia, quindi abbiamo voluto unire questa idea con un nuovo processo di progettazione e produzione che permette ai nostri ospiti di interagire nello spazio, di lavorare in collaborazione con noi e di uscire con un prodotto speciale in molto meno tempo di prima.”